walk

Tumore della prostata, fare attività fisica dimezza il rischio

“È quanto emerge da un ampio studio sull’International Journal of Epidemiology.

DIMEZZARE le probabilità di ammalarsi di tumore della prostata. Come? Con l’esercizio fisico. E’ quanto afferma uno studio pubblicato sull’International Journal of Epidemiology, a conferma dell’importante ruolo degli stile di vita in generale e dell’attività fisica in particolare.”

Fonte: La Repubblica

Autore: SARA PERO

Leggi l’articolo

surgery-

Trapiantato un testicolo al fratello gemello: in futuro potrà avere figli

“L’intervento, eseguito in Serbia, è il terzo al mondo di questo tipo. I due pazienti, 36 anni, stanno bene e il ricevente, con un’ulteriore operazione, potrà procreare.

Un uomo di 36 anni nato senza testicoli ha ricevuto una ghiandola dal fratello gemello, nel corso di una delicata operazione durata 6 ore, riporta il «New York Times». L’intervento, eseguito a Belgrado, in Serbia, da un team internazionale di chirurghi, è il terzo trapianto noto di questo tipo: i primi due furono eseguiti 40 anni fa a St. Louis, anche in quel caso fra gemelli identici.”

 >> Leggi l’articolo

Fonte: Corriere della sera

Autore: Cristina Marrone

sport

Ci sono prove che più cardio è collegato a migliori orgasmi nelle donne e meno disfunzione erettile negli uomini.

di Julia Naftulin.

I ricercatori hanno scoperto che gli uomini che hanno registrato più tempo di esercizio ogni settimana avevano minori probabilità di disfunzione erettile.

•    Un nuovo studio sul Journal of Sexual Medicine ha scoperto che le persone che hanno fatto cardio più intenso avevano anche meno disfunzioni sessuali, come la disfunzione erettile o l’incapacità di sentirsi eccitate.
•    I ricercatori hanno chiesto alle persone che hanno pedalato, nuotato,corso per esercizio fisico o una combinazione di più attività , di fare un sondaggio sulla loro salute sessuale .
•    Hanno scoperto che gli uomini che bruciano oltre 8.260 calorie a settimana hanno un rischio inferiore di disfunzione erettile.
•    Le donne che si allenavano più spesso erano più soddisfatte dei loro orgasmi ed erano più facilmente in grado di eccitarsi sessualmente.

Se il tuo allenamento prevede corsa, nuoto o bicicletta, la tua vita sessuale potrebbe trarne benefici

Un nuovo studio sul Journal of Sexual Medicine ha scoperto che le persone che trascorrevano più tempo negli allenamenti cardio avevano meno problemi sessuali fisici, come la disfunzione erettile per gli uomini o l’incapacità di sentirsi eccitate per le donne, rispetto alle persone che nuotavano, pedalavano o correvano meno frequentemente.
Il test è stato eseguito su  3.906 uomini e 2.264 donne che hanno pedalato, nuotato o corso. I partecipanti provenivano da vari paesi, tra cui Stati Uniti, Nuova Zelanda, Canada, Regno Unito e Australia, e avevano tutti più di 18 anni. L’età media per uomini e donne era di oltre 40 anni.
Nel sondaggio, i ricercatori hanno posto domande sulla frequenza con cui i partecipanti hanno lavorato ogni settimana, la distanza e la velocità con cui si sono esercitati e se hanno partecipato a uno dei tre metodi di esercitazione o una combinazione di essi.
I ricercatori hanno chiesto agli uomini se avevano mai avuto disfunzione erettile e con quale frequenza, e hanno chiesto alle donne di valutare la loro soddisfazione per l’orgasmo, oltre a quanto fosse facile o difficile per loro eccitarsi sessualmente.
Gli uomini che hanno bruciato oltre 8.000 calorie ogni settimana hanno il 22% di probabilità in meno di disfunzione erettile rispetto agli uomini che bruciano calorie inferiori. I ricercatori hanno affermato che questa perdita calorica è pari a circa 10 ore di ciclismo a 26 chilometri orari nell’arco di una settimana.

Le donne che hanno registrato più tempo cardio hanno detto di avere orgasmi migliori.

Le donne che si sono esercitate più spesso durante la settimana hanno dichiarato di essere più soddisfatte del proprio orgasmo dei eccitarsi più facilmente rispetto alle donne che hanno effettuato meno esercizio fisico. Per le donne, l’eccitazione si verifica quando i genitali iniziano a gonfiarsi e la vagina rilascia lubrificazione. I ricercatori hanno notato che, sia per gli uomini che per le donne, non importava se andavano in bici, correvano o nuotavano: tutte le attività hanno contribuito a rafforzare le pulsioni sessuali dei partecipanti se fatte spesso. “Pertanto, oltre a incoraggiare le popolazioni sedentarie a iniziare l’esercizio come suggerito da studi precedenti, potrebbe anche rivelarsi utile incoraggiare i pazienti attivi a esercitarsi in modo più rigoroso per migliorare il loro funzionamento sessuale”.
Lo studio è stato eseguito solo le persone fisicamente attive, quindi i loro risultati non si applicano alle persone che vivono in larga misura stili di vita sedentari.
Il test validerebbe le prove esistenti che suggeriscono che un regolare esercizio cardiovascolare ha benefici che vanno oltre le apparenze, come una migliore salute del cuore, dell’umore e ora, meno problemi di salute sessuale e orgasmi migliori.

 

link all’articolo originale: https://t.co/MGos0dAT8s

fagioli

Si nasconde nel fagiolo l’arma efficace contro l’andropausa

Fonte: Repubblica.it

“È quanto ha scoperto il team di ricercatori dell’Università di Padova dopo aver analizzato i risultati di uno studio durato otto anni. Depositato il brevetto.

FORSE un giorno tutti lo conosceremo come il “fagiolo magico”. Per ora è stata depositata la richiesta di brevetto di un nuovo principio nutraceutico dopo che uno studio durato otto anni ha dato ottimi risultati… ”

>> Leggi l’articolo

 

 

bambino

L’allarme dell’Istat: oltre 15mila nascite in meno in un anno

“In Italia nascono sempre meno bambini. Nel 2017 sono oltre 15mila in meno le nascite rispetto al 2016, meno 45mila nell’arco di tre anni e quasi 120mila in meno rispetto al 2008. E le previsioni per l’anno in corso non lasciano ben sperare con i dati provvisori dei primi 6 mesi che registrano già un meno 8.400 rispetto allo stesso semestre dell’anno scorso.”

leggi l’articolo

Fonte: huffingtonpost.it

fumo

La sopravvivenza dopo trattamento per tumore prostatico è peggiore nei pazienti fumatori

I pazienti sottoposti a trattamento per tumore prostatico, se fumatori, hanno un maggior rischio di recidiva, progressione del tumore verso forme più gravi e morte rispetto ai pazienti non fumatori.
In una review sistematica della letteratura pubblicata sulla prestigiosa rivista JAMA Oncology, un gruppo di ricercatori provenienti da numerosi centri urologici mondiali, ha rivisto i dati relativi a 22549 pazienti trattati per tumore prostatico e seguiti per un periodo di almeno 6 anni constatando un rischio aumentato del 40% di recidiva di malattia nei fumatori rispetto ai non fumatori. Tale rischio si è confermato anche nei pazienti ex fumatori da meno di 10 anni mentre gli ex fumatori di lunga data hanno dimostrato un rischio sovrapponibile ai non fumatori.
Non risulta chiaro il meccanismo per cui il fumo potrebbe portare allo sviluppo di un tumore prostatico più aggressivo o fatale. Una possibilità è che il fumo causi la liberazione di mediatori infiammatori o di sostanze tossiche che stimolano la crescita tumorale.

Fonti: bit.ly/2M2LqFg –  bit.ly/2M0M6Ls

JAMA Oncology, online May 24, 2018.